Tag: transgender

TERREMOTO IN VATICANO: GESUITI AVRANNO 750,000 $ PER INCLUDERE OMOSESSUALI E TRANSESSUALI NELLA CHIESA! Grazie,Bergoglio!

TERREMOTO IN VATICANO: GESUITI AVRANNO 750,000 $ PER INCLUDERE OMOSESSUALI E TRANSESSUALI NELLA CHIESA! Grazie,Bergoglio!

5 luglio 2019 (Istituto Lepanto) – Una settimana e mezzo fa, l’Istituto Lepanto ha pubblicato un articolo che illustra la promozione sfrenata dell’omosessualità e del transgenderismo da un’organizzazione chiamata Ignatian Solidarity Network (ISN). Il programma anti-povertà della Conferenza degli Stati Uniti per i Vescovi Cattolici, la Campagna Cattolica per lo Sviluppo Umano (CCD), prevede una sovvenzione strategica di 750.000 dollari a ISN nei prossimi tre anni.
Un sostenitore dell’Istituto Lepanto ha contattato l’USCCB per chiedere perché il CCDD stia fornendo tre quarti di un milione di dollari a un’organizzazione così immersa nella promozione di gravi peccati e depravazione. Alexandra Carroll, Communications Manager per la missione sociale dell’USCCB, ha risposto sostenendo che ISN non aveva violato l’insegnamento cattolico, e in effetti ha affermato che le conferenze pro-LGBT dell’ISN ai bambini delle scuole superiori e ai giovani adulti si conformavano all’ammonizione del Catechismo che “ogni segno di ingiustizia la discriminazione nei loro confronti dovrebbe essere evitata “[Catechismo 2358].
La risposta di Carroll, che viene fornita per intero alla fine di questo articolo, inizia con il tentativo di fornire credenziali che indichino i meriti dell’organizzazione stessa. Ad esempio, Carroll dice: L’ISN ha lavorato … in collaborazione con la Compagnia di Gesù e la Chiesa più grande – inclusa la Conferenza degli Stati Uniti dei Vescovi cattolici attraverso la loro appartenenza di base alla campagna Giustizia per gli Immigrati, nonché dirigenti della Chiesa come il Vescovo Gorge Murry, SJ.
All’inizio, questo sembrerebbe più un’accusa dell’organizzazione che un’assoluzione. Ma è interessante notare che menzionando Bp. Murry, Carroll omette di menzionare che un altro prominente gesuita ha lavorato a stretto contatto con l’ISN, e questo è il famigerato p. James Martin, SJ. L’agenda in questa borsa è già abbastanza evidente.
Ma nel secondo paragrafo della risposta di Carroll, spiega molto chiaramente come la sovvenzione da $ 750.000 contribuirà a espandere la spinta dell’ISN per l’inclusione omosessuale e transessuale nella Chiesa. Lei dice:
Attraverso la loro sovvenzione strategica nazionale, l’ISN sarà in grado di espandere significativamente la propria capacità di advocacy – formare leader, creare reti e animare le istituzioni gesuite, e basarsi sul successo dei programmi ISN esistenti come la Campagna per l’ospitalità e la Famiglia ignaziana per la giustizia .
Come abbiamo spiegato nel nostro articolo iniziale su questa borsa di studio, Ignazian Family Teach-In di ISN è il programma attraverso il quale ISN promuove l’omosessualità e le ideologie transgender ai giovani. Per esempio, nel 2018, il seminario Teach-In dell’ISN intitolato “Voci transgender nella Chiesa”, che è stato convocato dal Ministero delle Nuove Vie condannato dal Vaticano, afferma specificamente la sua intenzione di inviare ai partecipanti via con risorse per condurre l’attivismo transgender. La descrizione di questo seminario dice: I cattolici affrontano sempre più le domande sull’inclusione transgender, incrociando questioni come la razza e l’orientamento sessuale che combinano l’emarginazione. Questa sessione interattiva esaminerà come le voci trans sono presenti e silenziose nelle nostre comunità. I partecipanti partiranno con le risorse per costruire la giustizia nelle loro comunità.
Quindi, così com’è, il CCD ha pienamente riconosciuto e ammette che i 750.000 dollari raccolti dai cattolici in cattività sono diretti direttamente ai seminari delle conferenze proprio come questo.
E in modo terrificante, il CCD sostiene che workshop come questo NON sono contrari all’insegnamento cattolico. Carroll ha scritto:
Il 20 giugno 2019, l’Istituto Lepanto ha pubblicato un articolo in cui si citano varie accuse riguardanti oratori, workshop, post di blog sull’attività omosessuale. L’Ignazian Solidarity Network (ISN) non incoraggiava né promuoveva nulla di contrario all’insegnamento cattolico. Gli argomenti e i workshop sono stati progettati per ispirare inclusione e sicurezza per coloro che sono fisicamente o emotivamente minacciati di essere LGBT, in linea con le istruzioni del Catechismo che “ogni segno di discriminazione ingiusta nei loro confronti dovrebbe essere evitato” (2358).
Da dove inizia anche questo? Affermare che fornire workshop a studenti di scuola superiore e college impressionabili che li indottrino nell’attivismo transgender NON è “contrario all’insegnamento cattolico” è una vera bugia! Mentre Carroll cita il paragrafo 2358 del Catechismo della Chiesa Cattolica secondo cui “ogni segno di discriminazione ingiusta nel loro rispetto [inteso come omosessuale] dovrebbe essere evitato”, ignora completamente la voce precedente (2357) che afferma:
Gli atti omosessuali sono intrinsecamente disordinati. Sono contrari alla legge naturale. Chiudono l’atto sessuale al dono della vita. Non procedono da una genuina complementarietà affettiva e sessuale. In nessun caso possono essere approvati.
In una conferenza in cui gli omosessuali proclamano la propria omosessualità e incoraggiano gli altri a “uscire”, e dove gli studenti vengono addestrati nell’attivismo transgender, è abbondantemente chiaro che questa organizzazione sta violando direttamente il Catechismo dove dice “In nessuna circostanza sono approvati. ”
La situazione qui non potrebbe essere più chiara … il CCD sta tentando di ridefinire l’insegnamento della Chiesa riguardo all’omosessualità e sta tentando di far avanzare la falsa nozione che tutte le discriminazioni contro i devianti sessuali devono essere evitate. La verità, tuttavia, è che l’ammonimento del Catechismo contro la discriminazione è qualificato con la parola “ingiusto”, che deduce che esiste una forma giustificata di discriminazione. Per esempio, come genitore, non permetterei mai ai miei figli di frequentare un’ora di storia di transgender in una biblioteca, né permetterei a una coppia omosessuale di fare da babysitter. Come genitore, il mio primo dovere è quello di preservare e proteggere la purezza e l’innocenza dei miei figli, il che significa che devo discriminare coloro che rappresentano una minaccia per queste cose, comprese quelle che dichiarano di essere omosessuali o transgender.
Questa concessione da parte del CCDD non è solo in diretto conflitto con l’insegnamento morale cattolico, ma pone ovunque un pericolo chiaro e presente per i genitori cattolici! Il ragionamento utilizzato dal CCHD a sostegno di questi laboratori perversi porta alla conclusione che la giustizia richiede in qualche modo l’inclusione partecipativa e l’abbraccio di coloro che vivono una vita in accordo con uno dei quattro peccati che invocano il Cielo per vendetta.
Pertanto, l’Istituto Lepanto sta ripetendo il suo appello ai vescovi per chiedere che questa borsa di studio venga revocata e che i responsabili di farla e utilizzino argomenti falsi a favore di essa vengano licenziati immediatamente.
Ecco la risposta della USCCB per intero:
Tutte le iniziative finanziate dalla Campagna Cattolica per lo sviluppo umano (CCD) hanno attraversato un processo di applicazione approfondito e sono gruppi che crediamo riflettono l’insegnamento sociale della Chiesa cattolica. Questa organizzazione, la Rete Ignaziana di Solidarietà (ISN), lavora da oltre 15 anni per formare, educare e formare difensori della giustizia sociale animati dalla spiritualità di Sant’Ignazio di Loyola e dalla testimonianza dei martiri gesuiti di El Salvador e dei loro compagni. Questo lavoro avviene in collaborazione con la Compagnia di Gesù e la Chiesa più grande, inclusa la Conferenza degli Stati Uniti dei vescovi cattolici attraverso la loro appartenenza di base alla campagna Giustizia per gli immigrati, e dirigenti della Chiesa come il Vescovo Gorge Murry, SJ che ha recentemente parlato a uno dei raduni dell’ISN sul razzismo.
Il progetto che finanzia la campagna cattolica per lo sviluppo umano riguarda il lavoro di immigrazione e migrazione e viene concesso su base go-forward. Il CCHD riconosce le terribili circostanze associate all’immigrazione e alla migrazione e ha ingaggiato un leader con una rete considerevole per aiutare a organizzare e rafforzare il lavoro delle chiese. Attraverso la loro sovvenzione strategica nazionale, l’ISN sarà in grado di espandere significativamente la propria capacità di advocacy – formare leader, creare reti e animare le istituzioni gesuite, e basarsi sul successo dei programmi ISN esistenti come la Campagna per l’ospitalità e la Famiglia ignaziana per la giustizia . L’obiettivo finale di questi sforzi finanziati dalle sovvenzioni è lo sviluppo di una più ampia rete di individui, molti dei quali saranno gli stessi immigranti, e istituzioni dedicate a stare con e sostenere le comunità di immigrati e il passaggio di una riforma umanitaria completa sull’immigrazione.
Il 20 giugno 2019, l’Istituto Lepanto ha pubblicato un articolo in cui si citano varie accuse riguardanti oratori, workshop, post di blog sull’attività omosessuale. L’Ignazian Solidarity Network (ISN) non incoraggiava né promuoveva nulla di contrario all’insegnamento cattolico. Gli argomenti e i workshop sono stati progettati per ispirare inclusione e sicurezza per coloro che sono fisicamente o emotivamente minacciati di essere LGBT, in linea con le istruzioni del Catechismo che “ogni segno di discriminazione ingiusta nei loro confronti dovrebbe essere evitato” (2358).
I cattolici possono essere certi che la Campagna cattolica per lo sviluppo umano non finanzia i gruppi che violano l’insegnamento morale della Chiesa. Nel raro caso in cui un gruppo violi successivamente le condizioni esplicite della sua concessione impegnandosi in tale attività, il finanziamento viene immediatamente risolto.

Fonte: Istituto Lepanto

Condividi con: