Tag: Esercizi spirituali

Settimane di Camaldoli 2015

Settimane di Camaldoli 2015

QUAL E’ IL VERO SIGNIFICATO DEL VANGELO DI MARCO? 
Dom 30 agosto – Sab 5 settembre 2015 
 
Corso di Esercizi spirituali guidato da Alessandro Barban, priore generale


La maggioranza dei commentari del Vangelo di Marco vede due momenti di riferimento nella narrazione di questo vangelo: la confessione di Pietro (Mc 8, 27-30), e quella del centurione romano ai piedi della croce (Mc 15,38-39). Altri studi si sono soffermati sull’attività demonologica e di guarigione da parte di Gesù, sulla questione del puro e dell’impuro (Mc. 1-7), sul cammino discepolare (Mc 8,31-9) per arrivare alla passione e morte di croce. Gli approcci e le proposte sono diverse.
 

La domanda che ci guiderà in questo corso di Esercizi spirituali è la seguente: qual è il vero significato del vangelo di Marco? Penso che per rispondere a questo interrogativo si dovrebbe tener conto dell’interezza del racconto marciano senza fare troppe divisioni, e seguire la narrazione dell’evangelista che descrive la composita umanità di Gesù illuminata e sostenuta dalla presenza agente di Dio per prendere atto che solo nel sepolcro si pone la questione decisiva: che Gesù il nazareno, il crocifisso, è risorto.
 

Pertanto, il vangelo di Marco da una parte ci educa e ci accompagna a scoprire sempre meglio la persona e l’identità di Gesù, dall’altra, ci sfida a verificare la qualità della nostra fede in lui, se arriva fin dentro al mistero cruciale della sua pasqua. 

Programma completo su:

www.camaldoli.it 



Condividi con:
Camaldoli – Alla presenza del “Tu eterno”

Camaldoli – Alla presenza del “Tu eterno”

“Io sono il tuo Dio e tu il mio popolo”  

(Is 51, 15; Ger 30, 31) 

Una rilettura dell’Antico Testamento 

 


 

Corso di esercizi spirituali guidato da Carmine DI SANTE, teologo
 

Domenica 18 – Sabato 24 agosto 2013
 

Il grande pensatore ebreo del secolo scorso, Martin Buber, ha scritto che “ogni singolo tu è una breccia aperta sul Tu eterno”. Questa celebre espressione può significare due cose: da una parte che Dio è un Tu che si rivolge all’uomo come tu il quale per questo può dare del Tu a Dio; dall’altra che in ogni “tu” umano si riflette il “Tu” divino e che è attraverso il “tu” umano che si raggiunge il “Tu” divino.

Le meditazioni che verranno proposte durante la settimana si muovono – come vuole il titolo – in questa prospettiva. Intessendo silenzio, preghiera, ascolto e dialogo sosteremo insieme alla “Presenza del Tu eterno” ascoltando la sua Parola rivolta singolarmente a ciascuno di noi (“Io sono il tuo Dio) e lasciandoci custodire dalla sua tenera sollecitudine che ci costituisce suoi interlocutori (“tu il mio popolo”) vocati alla santità e alla giustizia.

In ciascuno degli incontri – uno al mattino,l’altro al pomeriggio – saranno sviluppati, riconcettualizzati e attualizzati, come suggerisce il sottotitolo, i temi più importanti dell’Antico Testamento il cui cuore è costituito dal racconto fondatore d’Israele, narrato nei primi cinque libri della Bibbia noti come Pentateuco.

Per prenotazioni e informazioni :

Foresteria del Monastero: tel.: 0575556013 – foresteria@camaldoli.it

Condividi con: