Tag: comunità ebraica

Roma -16 ottobre 1943

Roma -16 ottobre 1943

Razzia degli ebrei 

Dati aggiornati a cura di  
Silvia Haia Antonucci
Responsabile dell’Archivio Storico della Comunità Ebraica di Roma (ASCER) 

Secondo le ultime ricerche, coloro che sono stati arrestati durante la razzia del 16 ottobre 1943 erano 1264 ai quali andrebbe aggiunto anche Ermanno Samuele Valabrega di Emanuele, che però è morto proprio durante la razzia, quindi i coinvolti nell’arresto sono stati 1265.
 

Mentre erano detenuti presso il Collegio Militare, 252 sono stati liberati (sono rimasti in 1012) ed è nato un bambino, figlio di Cesare Di Veroli e Marcella Perugia (quindi sono diventati 1013).

Il 18 ottobre sono stati portati alla Stazione Tiburtina, dove Costanza Sermoneta si è aggregata al convoglio diretto ad Auschwitz (sono diventati 1014).

Quindi si può affermare che gli ebrei coinvolti nell’arresto e la deportazione del 16 ottobre 1943 a Roma sono stati 1015 (599 donne, 416 uomini, di questi i bambini e gli adolescenti sotto i 15 anni erano 272, tra questi 107 avevano meno di 5 anni), mentre, effettivamente, sul treno per Auschwitz erano in 1014.

Sono ritornati in 16:

1) Michele Amati, nato a Roma il 20/10/1926, liberato a Buchenwald il 04/04/1945

2) Lazzaro Anticoli, nato a Roma il 03/01/1910, liberato a Stolberg l’08/05/1945

3) Enzo Camerino, nato a Roma il 02/12/1928, liberato a Buchenwald in data ignota,    tornato a Roma il 09/06/1945

5) Luciano Camerino, nato a Roma il 23/07/1926, liberato a Buchenwald in data ignota

6) Cesare Di Segni, nato a Roma il 05/10/1926, liberato ad Auschwitz il 27/01/1945

7) Lello Di Segni, nato a Roma il 04/11/1926, liberato a Dachau il 29/04/1945

8) Angelo Efrati, nato a Roma il 29/04/1924, liberato a Ravensbrueck il 02/05/1945

9) Cesare Efrati, nato a Roma il 02/05/1927, liberato a Flossenburg il 22/05/1945

10) Sabatino Finzi, nato a Roma l’08/01/1927, liberato a Buchenwald l’11/04/1945

11) Ferdinando Nemes, nato a Fiume l’08/06/1921, liberato a Buchenwald l’11/04/1945

12) Mario Piperno, nato a Roma il 06/06/1916, liberato a Dachau il 29/04/1945

13) Leone Sabatello, nato a Roma il 18/03/1927, liberato a Ravensbrueck il 30/04/1945

14) Angelo Sermoneta, nato a Roma il 10/06/1913, liberato a Dachau il 29/04/1945

15) Isacco Sermoneta, nato a Roma l’08/03/1912, liberato a Monaco l’01/05/1945

16) Settimia Spizzichino, nata a Roma il 15/04/1921, liberata a Bergen Belsen il 15/04/1945

17) Arminio Wachsberger, nato a Fiume il 04/11/1913, liberato a Dachau il 29/04/1945  

CONTEGGIO EBREI 16 OTTOBRE 1943

Arrestati vivi (1264-252) : 1012
Morto durante l’arresto  
: 1

TOTALE ARRESTATI : 1013

Imprigionati al Collegio Militare subito dopo la razzia : 1012
Nato nel Collegio Militare
: 1

TOTALE NEL COLLEGIO MILITARE : 1013

Aggiunta al treno : 1

TOTALE DEPORTATI : 1014

TOTALE COINVOLTI IN ARRESTO E DEPORTAZIONE: 1015 


Roma – area dell’ex ghetto – targa alla memoria

Si sottolinea, per completezza di informazione, che la razzia del 16 ottobre 1943 avvenne in tutta Roma, non solo nell’area dell’ex ghetto e si ribadisce che durante il periodo nazista a Roma non vi fu nessun ghetto; l’unico è stato quello istituito da Papa Paolo IV Carafa che durò dal 1555 al 1870. 
 



Fonte: S.H.Antonucci, C. Procaccia, G. Rigano, G. Spizzichino, Roma, 16 ottobre 1943. Anatomia di una deportazione, Guerini e Associati, Milano 2006

N.B.: Da tale volume risulta che gli ebrei che furono coinvolti nella razzia il 16 ottobre 1943 a Roma furono 1016, ma recentemente è stato riscontrato un errore (Bellina Calò, che invece è morta nel 1933), quindi il numero effettivo allo stato attuale delle ricerche è 1015.

Condividi con:
Conferenza di Silvia Haia Antonucci

Conferenza di Silvia Haia Antonucci

C’era una volta…
il Museo della Comunità ebraica più antica d’Europa


Conferenza di Silvia Haia Antonucci

(Archivio Storico della Comunità Ebraica di Roma) 

giovedì 18/10/2012 ore 16,30

presso il “Gruppo Ghimel” dell’Istituto Pitigliani (Via Arco de’ Tolomei 1, Roma)

 

A seguito della tesi  

Salvatore Fornari e Roma. Un collezionista di immagini della Capitale tra “emancipazione” e fine del XX secolo  

redatta attraverso l’analisi del Fondo Fornari conservato presso l’Archivio Storico della Comunità Ebraica di Roma, in occasione del conseguimento della Laurea Magistrale in Studi Storico-Artistici presso l’Università “La Sapienza” di Roma, Facoltà di Lettere e Filosofia (24 gennaio 2012) in Storia dell’Arte contemporanea (prof.ssa Antonella Sbrilli).












Condividi con: